Ricordi in bianco e nero

Poesie Selene Porcaro

Ho provato tante volte a parlare dei dubbi che annidano la mia mente
e vi volteggiano come fantasmi…
Io scrivo troppo piano, tu parli troppo forte
e diventi ogni giorno più bella,
nella tua maturità acquisita pericolosamente.
No non conosco i tuoi dubbi,
ma so qualcosa a proposito delle tue paure
e posso vivere di preghiera affinché il tuo sorriso non si spenga mai.
Ho perso la mia mente ed i colori del mondo,
poi sopravvivendo vendevo i sogni a chi era più triste di me
e vivevo di ricordi (forzati) in bianco e nero.

Non hai bussato, sei entrata in me pericolosamente,
spezzando le ali nere che mi dirottavano nelle braccia della morte
e mi hai regalato la mia anima a colori.
Ho ricominciato a viaggiare
(col mio bagaglio culturale, emotivo e ben poco materiale)
E mi sono resa conto che il posto nel mondo bisogna trovarselo,
e mi sono resa conto che per quanto non sia molto lotto solo con le mie forze.
Arrivati a questo punto,
ti vorrei chiedere se continuerai a venirmi a trovare (solo nei miei sogni),
ma poi ho paura che tu dica no
ed ho il timore di chiudere gli occhi.
E quando guardo il tuo volto riesco a credere di poter essere immortale,
tutto quel benessere e quell’energia mi alzano ad un solo gradino da Dio.
Vivo delle tue sfumature sconosciute agli altri,
chiedendomi dove posso cogliere dentro me
parole tanto dolci da sembrare melodia.
Non capisco perché si sorprendano
che tu non sia in un lontano manicomio,
perché non sia solo un ricordo lontano l’ultima volta che ho incontrato il tuo sguardo
vivo di attimi rubati all’eternità,
incisi nella mia mente scolpiti ad arte.

Selene Porcaro
Selene Porcaro
Era l'11 agosto del 1979 quando mia madre dopo dieci giorni di "travaglio" riuscì a mettermi al mondo all'ombra della Torre Pendente nella città di Pisa. Provengo da una famiglia con origini campane,molto numerosa e chiassosa ma che non cambierei mai con nessun'altra al mondo. Dopo le scuole medie nella cittadina in cui vivo ho frequentato il Liceo Classico a Pisa per tre anni per poi abbandonare tutto e mettermi alla ricerca di una me stessa che forse non avevo mai perso. Dopo vari lavori ho deciso di frequentare il corso per Operatore Socio Sanitario dell'Azienda Ospedaliera Universitaria Pisana e dopo la qualifica,presa nel dicembre 2010 lavoro da circa un anno con gli anziani. Ho iniziato a scrivere a otto anni,una sera guardando fuori dalla finestra della mia camera,molte cose sono cambiate nel paesaggio circostante ma la mia passione per la scrittura mai. Non potrei vivere senza scrivere,senza fare fotografie,senza ascoltare musica e senza leggere:questi sono i pilastri fondamentali della mia esistenza. Credo nella giustizia e nella lealtà,dico sempre quello che penso e lotto per le cose in cui credo. Amo la mia famiglia ed i miei amici ma soprattutto i miei numerosi nipoti. Ringrazio Dio o chi per Lui per avermi concesso questo meraviglioso dono che è la Vita.

Suoi ultimi post

2 Commenti

  1. ritrovare il colore dei ricordi in bianco e nero, non importa se lei è solo nei tuoi sogni, non importa se gli altri si sorprendono che non sia in un manicomio. quello che conta è non perdere i sogni, i colori e sé stessi.


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito