un'estate particolare

Racconti Noria Nalli

“mi ricordo montagne verdi e le corse di una bambina, con l’amico mio più sincero, un coniglio dal muso nero….”

Parole che volano nell’aria serale. A intonarle è un coro di voci un po’ surreale ed inconsueto.

Su una grande terrazza scoperta, donne non più giovani in carrozzina e uomini anziani dallo sguardo assente ci ascoltano mentre tentiamo di esorcizzare la tristezza di un sabato estivo trascorso in ospedale.

“No dai forse è meglio provare con Baglioni” affermo. “Azzurro…il pomeriggio è troppo azzurro e lung per me…” risponde Gianna, ispirata e un po’ distratta…

Il panorama è molto bello. Uno scorcio sulle colline canavesi. Sullo sfondo è nitido l’aeroporto di Caselle ed il viavai degli aerei, un sapore di viaggi e libertà, in netto contrasto con la nostra realtà di degenti a lungo termine.

Non ricordo più precisamente da quanto tempo manco da casa, i giorni e le settimane hanno perso la loro esatta dimensione. Di sicuro la mia estate si è consumata tra gli ospedali.

“Dai Giovanna, cantaci tu qualcosa” mi invitano i miei “compagni di viaggio”. La mia voce è rotta, resa incerta dalla mancanza di esercizio, ma provo lo stesso a cantare, con voce tremula un po’ stonata.

“Che cosa sei, che cosa sei, che cosa sei…cosa seei, non cambi mai, non cambi mai, proprio mai”. Questa la sapevo bene. Parole parole di Mina l’avevo cantata al saggio del corso di canto, anni fa.

Guardo i visi di chi mi ascolt : il volto sorridente e amichevole del giovane Pietro, il sorriso dolce e un po’ triste di Marisa, l’allegria fanciullesca di Ottavia, lo sguardo profondo e saggio di Elisa e penso all’incredibile mese di agosto che sto vivendo....

httpv://www.youtube.com/watch?v=C8SuNmIbJGM

Noria Nalli
Noria Nalli
Sono una giornalista free lance e amo raccontare storie...... Dopo una lunga esperienza di ricovero, ho iniziato a scrivere brevi ritratti di corsia per La Stampa di Torino,

Suoi ultimi post

Nessun commento ancora, aggiungi la tua opinione!


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito