Storia di amori e di addii ad intermittenza n°2 la vendetta.(ovvero) Come divenni Boia.

Racconti Nicola Eboli

E così fra un reality e l’altro ebbi i miei natali. Mai i miei genitori non avrebbero immaginato per il loro delfino una carriera così scintillante. E me lo confessò babbo con tanto di buona benedizione … prima che gli bendassi gli occhi. Sinceramente il collegamento fra la misteriosa morte del cane di casa e le dinamiche perverse dei servizi segreti deviati mi sfugge ancora oggi.

Mammà era morta … miserella e non potetti usufruire della dispensa per la chiamata alla leva.

Grazie alla mia esperienza nel campo … fui assegnato a compiti particolari. Tranciasigari personale del generale e torturatore scelto di primo grado. Furono giorni indimenticabili.

Ma ancor più indimenticabile fu il giorno che congedato tornai in patria.

Per l’occasione il prezzo del biglietto fu raddoppiato.  Le carceri tirarono un sospiro di sollievo. Svuotate da tutti i prenotati che erano stati lasciati lì in attesa del mio ritorno.  Alla fine della giornata l’efficienza dell’organizzazione provvide a fornire gli astanti di stivaloni di gomma.

La denuncia per plagio … perpetrata da signora Morte giunse puntuale.

La convocazione in tribunale era per il giorno di Natale.

Dopo la pubblicità entriamo ad occupare i nostri posti e dopo i pompini di rito … “ Entra la Corte “ .

“ L’accusa si produca nel suo j’accuse. Gli spasmi siano contenuti nei limiti di tempo previsti per legge“ .

La danza fu sontuosa. Ne intravidi alcuni stralci dalla mia posizione di accusato. Difatti … appeso con spessa corda … a testa in giù … sfruttavo la mia posizione privilegiata per calcolare la circonferenza del mare . il calcolo azimutale regalava nuovi punti di vista. Arricchito di tanta nuova esperienza avrei affrontato  el my  desculpe.

Nel frattempo prendevo qualche lavoretto qua e la. Giusto per non star senza far niente nel frattempo.

E qui si riattacca tutta la storia del mato grosso. Il collegamento con i servizi segreti diventa quasi ovvio.

“  Vostro Onore cerchi di comprendere. Fui provocato. Tutta la vicenda si sviluppa atraverso secoli bui … vedendo il mondo capovolto tutto mi sembra molto più chiaro. Dovrebbe provare anche Lei…”

SIGNORINA : “ … è pronto a tavol … scusate torno dopo … “

 “ … Lei cucina una carbonara da far paura. Nel senso buono intendo . “

 ma il giudice afflitto com’era da ulcera perforante al solo sentir parlare di uova … con un gemito … emise … stramazzando … l’ovvia sentenza.

Trasferito d’ufficio in Bolivia. Alle pendici del Mato Grosso. Agente con incarichi speciali nel  controspionaggio mittel-europeo. ( ...?)

Nicola Eboli
Nicola Eboli
teatrante

Suoi ultimi post

1 Commento

  1. Questo intervento mi trova oggettivamente in accordo. Dal mio

    punto di vista il sito http://www.wordshelter.it è postodecisamanete bene,

    lo leggo sempre. Complimenti, buona giornata!

    vai a questo link


Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento *

Name *
Email *
Sito